Tirreno - Lega Pro

Tra 5 secondi verrai rindirizzato alla diretta completa. Se non vuoi attendere clicca qui

Tirreno - Lega Pro Live

http://iltirreno.gelocal.it/regione/2014/08/03/news/il-campionato-di-lega-pro-minuto-per-minuto-1.9702771|*| URL evento: NON cancellare |*|


  • PONTEDERA Il Pontedera è una squadra fatta di luci e ombre: da una parte il carattere battagliero, dall'altra i blackout e le fragilità difensive palesatesi nel match contro la Pistoiese. Insomma, c'è di cui sorridere ma anche altro su cui quantomeno fare una riflessione a livello di campo, senza tenere conto dell'ingarbugliata situazione societaria. Tra le notizie positive dell'ultima settimana c'è sicuramente la crescita di Pinzauti, bravo a sfruttare l'assenza del titolare Grassi. Che, però, è pronto al rientro: a quel punto cosa farà Maraia? Metterà Grassi al posto di Pinzauti o varerà un modulo più offensivo, con Grassi alle spalle del duo Pesenti - Pinzauti? 

    PISA Nerazzurri alla prova del... dieci: Mannini e compagni vogliono assolutamente allungare, possibilmente con un'altra vittoria, la striscia positiva che dura da nove giornate e venerdì alle 20,45, al Garilli contro il Piacenza, punteranno al risultato pieno per rimanere nella scia delle battistrada Siena e Livorno e possibilmente supprare l'Olbia che gioca il derby con l'Arzachena, in teoria fuori casa (diciamo in teoria perché lo stadio dell'Arzachena per ora è... il Nespoli di Olbia)
  • LIVORNO Squadra di nuovo al lavoro da ieri in vista della partita casalinga di domenica prossima contro la Pro Piacenza (inizio ancora alle 16.30). Oltre a Mazzoni, non era in gruppo neanche Ivan Pedrelli che deve ancora fare i conti con la lesione di secondo grado all'inserzione distale del vasto mediale destro. Difficile che possa recuperare per domenica, sarebbe già un buon segnale poterlo portare in panchina. Intanto Sottil si è già messo al lavoro per la tattica, con Giandonato e Maiorino che potrebbero tornare titolari. 

    GAVORRANO. Ha ripreso ieri pomeriggio ad allenarsi il Gavorrano, in vista dell'insidiosa trasferta di domenica prossima (ore 14, 30) a Pontedera.In settimana ci potrebbero essere sviluppi di mercato, anche se il direttore generale Filippo Vetrini si è detto contento della situazione e che un eventuale rinforzo per puntellare la difesa, sarà deciso senza pressioni e urgenze. Recuperato dopo la squalifica Leandro Vitiello, con la rosa praticamente al completo se si esclude Francesco Marianeschi in convalescenza dopo l'operazione al tallone.
  • PONTEDERA La Pistoiese illude, poi crolla. Sul campo del Pontedera va in vantaggio dopo 2 minuti, e dopo 7 raddoppia. Sembra fatta. Ma non riesce a gestire i due gol di vantaggio e dopo un'ora le gambe sembrano di piombo, con la difesa che continua a commettere errori grossolani. Niente da fare: gli arancioni rimangono ancora a digiuno di vittorie. 

    PRATO Archiviato il pareggio di Piacenza, il Prato guarda già al derby con la Pistoiese, in programma domenica alle 16,30 allo stadio Melani di Pistoia. In questa occasione i supporter pratesi avranno due vantaggi. Sfidare i cugini in una gara sempre attesa e poterlo fare vicino casa in quanto la trasferta a Pistoia è senz'altro più agevole di quella sul neutro di Pontedera.
  • GAVORRANO Quando una vittoria ti cambia la vita. Il primo storico successo del Gavorrano contro la Lucchese ha di fatto ribaltato il mondo rossoblù. In attacco fra i migliori in campo proprio il centravanti Brega, che si è procurato un'occasione nel finale che ancora grida vendetta, con quel sinistro a giro dopo un dribbling che ha mandato al bar il diretto marcatore, ma che poi è filato via ad un soffio dal palo. All'orizzonte ci sono ora due trasferte consecutive: Pontedera e Monza. Ma il Gavorrano ora sa come si fa a vincere. 

    LUCCA Adesso la Lucchese è attesa ad un crocevia. Due gare importanti in meno di due settimane, prima contro la Carrarese in notturna (alle 20.30) e poi venerdì 3 novembre a Viterbo, ancora in notturna (20,45 Rai Sat), con un giorno in meno per recuperare .Infermeria. Tanto lavoro anche per lo staff medico. Alla ripresa degli allenamenti si dovranno valutare le condizioni di Riccardo Baroni, uscito dopo la metà del primo tempo per un trauma discorsivo al ginocchio che si era procurato durante il riscaldamento pre-partita. Bisognerà vedere come avrà reagito dopo la giornata di riposo e valutare l'entità dell'infortunio. Il difensore Capuano che non ha giocato col Gavorrano per un elongazione alla coscia ha già ripreso ad allenarsi ieri mattina per chi non aveva giocato a Grosseto.. Anche l'attaccante Del Sante invece dovrebbe rientrare in gruppo. Da capire però se avrà l'autonomia per partire titolare. Ancora terapie invece per Filippo Strada così come per Giorgio Palumbo.
  • PISA Ripresa immediata degli allenamenti per il Pisa Sporting Club rientrato in nottata dal "Moccagatta", teatro dell'ultimo match di campionato che ha portato in dote 3 punti a capitan Mannini e compagni. La settimana dei nerazzurri sarà infatti corta e intensa perché il Pisa sarà protagonista venerdì sera (ore 20.45) dell'anticipo dell'undicesima giornata contro il Piacenza al "Garilli", con diretta tv su Sportitalia. Allo stadio di Alessandria a vedere il Pisa tornare alla vittoria c'era anche Domenico Toscano, uno degli allenatori accostato più volte ai nerazzurri sia in estate sia in questi giorni dopo l'esonero di Gautieri.

    PONTEDERA Un Pontedera a due facce: orribile nei primi 7 minuti, battagliero e coraggioso nei restanti 85 e passa minuti. La cronaca: dopo 2 minuti Luperini entra in slalom alla Alberto Tomba in area, dribbla Frare, tira e poi ribadisce in rete sulla respinta corta dell'estremo difensore Contini. Centottanta secondi per finire in un incubo, che prosegue al settimo, quando Hamlili disegna un passaggio filtrante per l'accorrente Vrioni, che di sinistro la tiene bassa e batte ancora una volta l'incolpevole Contini. Al 20' Corsinelli dal lato sinistro converge verso l'area e scaglia un missile di sinistro che si va a infilare all'incrocio dei pali, lasciando di sasso Zaccagno (minuto 32). Due a uno, si va al riposo. Nel secondo tempo al 70' Pesenti a testa bassa attacca la porta avversaria e si ritrova il pallone fra i piedi al limite dell'area, dopo un rimpallo. A quel punto il giustiziere del Pisa in Coppa guarda Zaccagno e lo fulmina, per il 2-2.
  • LIVORNO Mazzoni si è procurato all'occhio sinistro "la frattura dell'osso lacrimale, della lamina orbitale dell'etmoide e delle superficie orbitale del mascellare". C'è bisogno di un intervento chirurgico che sarà effettuato probabilmente nel giro di 48 ore. Tempi di recupero. Abbiamo parlato di un mese, il che vorrebbe dire saltare cinque partite ovvero Pro Piacenza (in casa), Siena (fuori), Viterbese (in casa), Monza (fuori) e Olbia (in casa). Fiducia completa dunque a Guido Pulidori che era stato eccellente a Pontedera, positivo a Cuneo, mentre domenica è incappato in un paio di incertezze.
  • 11^ giornata – domenica 29 ottobre 
    Ven 27 ore 20.45 Piacenza-Pisa 
    14.30 Pontedera-Gavorrano 
    16.30 Giana Erminio-Alessandria, Livorno-Pro Piacenza, Pistoiese-Prato, Siena-Monza
     20.30 Arezzo-Viterbese, Arzachena-Olbia, Lucchese-Carrarese
  • PISTOIA. Porte girevoli nell'infermeria arancione. Ai lungodegenti Rafati, De Cenco e Papini si è aggiunto Priola dopo la lesione al collaterale rimediata con la Lucchese. Per fortuna di Indiani però torna Hamlili, reduce da due giornate di stop, così come il giovane Boggian. Probabile che il mister vari un accorto 3-5-2, in luogo del più propositivo 3-4-2-1 casalingo. In porta confermato Zaccagno, che però dovrà cancellare le ultime incertezze. In difesa, per sostituire il capitano, c'è Zullo in pole position con Rossini destinato ancora alla panchina. A centrocampo, oltre ad Hamlili, che riprenderà regolarmente il suo posto in mezzo, torna anche Mulas, che scontata la squalifica correrà sull'out destro con Regoli dall'altra parte. Uno tra Minardi e Tartaglione (in fiducia dopo il gol ai rossoneri) troverà spazio a gara in corso. In avanti ancora spazio al duo sudamericano Surraco-Ferrari, con Vrioni pronto a subentrare. 

    PIACENZA Dopo quattro sconfitte consecutive il Prato trova un pareggio (2-2) fondamentale per il prosieguo della stagione contro la Pro Piacenza. Per ben due volte in svantaggio la squadra biancoazzurra riesce a recuperare e dimostra che è viva. Al gol di Belfasti risponde Ceccarelli su rigore. Nel secondo tempo va di nuovo in vantaggio la squadra emiliana per un fallo di Martinelli in area con trasformazione di Alessandro e al 34' arriva il meritato pareggio su autogol di Messina.
  • CARRARA Quanta fatica per domare una squadra che, di matricola, porta solo l'appellativo. Necessaria oltre un'ora di gioco, infatti, per raddrizzare una gara messasi in salita per la Carrarese dopo il vantaggio dei sardi e, nella ripresa, il mancato 0-2 che poteva mettere la parola fine all'incontro. Nella girandola di sostituzioni, una su tutte pare la più indovinata: l'utilizzo di Biasci a partita ampiamente iniziata sta rivelandosi una carta vincente che mette a regime in corsa il motore della Carrarese. Nell'arco di due minuti, la "nuova" punta gialloazzurra mette al tappeto l'Arzachena con due perle, la seconda delle quali è un autentico eurogol.
  • LUCCA La peggior Lucchese della gestione Giovanni Lopez lascia i 3 punti ad un Gavorrano decisamente modesto, ma che sul piano della grinta, della generosità e della voglia di vincere merita di ottenere il primo successo della sua storia nella Terza serie del calcio. Un piccolo capolavoro firmato Giancarlo Favarin, amato ex tecnico rossonero con due campionati vinti con la Lucchese (2008-2009 e 2009-2010) e che festeggia non solo i primi 3 punti della sua gestione, ma anche la prima vittoria da allenatore contro la compagine rossonera (finora nelle due sfide precedenti era sempre stato battuto).
  • GROSSETO Dopo nove partite (e sette sconfitte) finisce l'incubo per il Gavorrano: allo Zecchini i rossoblù con il minimo scarto, 1-0 (incornata vincente di Salvadori al 55'), battono la Lucchese e centrano il primo successo in campionato. Una vera e propria liberazione per tutto l'ambiente maremmano, cercata e voluta con tutte le forze. La cura Favarin comincia dunque a funzionare, la squadra sembra davvero trasformata.
  • PONTEDERA Il confronto tra il maestro e l'allievo (Indiani e Maraia), ma anche fra due squadre che hanno idee simili. La base per granata e arancioni è la stessa: tre difensori e quattro o cinque centrocampisti. Davanti il Pontedera gioca spesso con due trequartisti e una punta, schema che con molta probabilità sarà riproposto anche stasera. Il Pontedera è reduce, infatti, dalla sosta in campionato e, c'è da scommetterci, non vede l'ora di scendere di nuovo in campo per dimostrare che il match col Piacenza non è stato un fuoco di paglia .Assenti Grassi, Paolini e Tofanari.
  • ALESSANDRIA Una squadra ordinata e grintosa il giusto, con le dovute distanze tra i reparti: il Pisa ha la... Pazienza per aspettare al varco un'Alessandria in crisi e costretta a fare la partita, colpendola con freddezza e costringendola ad uscire tra i fischi del pubblico piemontese ormai sfiduciato dopo una partenza choc. De Vitis ed Eusepi (primo gol stagionale del Re) in gol, Negro nel finale vicinissimo a timbrare a sua volta (fermato solo dal palo) sono i protagonisti più in vista, ma tutta la squadra ha giocato su livelli veramente ottimi.
  • LIVORNO Il Livorno vince perché è cinico, perché gli girano bene tutti gli episodi (due traverse della Giana), perché ha individualità che ti spaccano la partita (Murilo che entra e segna). Non è stato facile vincere perché la Giana ha giocato con piglio, coprendo meglio gli spazi rispetto al Livorno, ripartendo con agilità. Tanto per cambiare la zampata vincente l'ha data Murilo, quinto gol stagione, tutti segnati uscendo dalla panchina. Gli ospiti hanno prima sfiorato il gol su punizione con Pinardi, poi spaccato la traversa con un tiro da fuori di Iovine, e infine al 34' sono passati in vantaggio ancora con Iovine che ha sfruttato un liscio di Gasbarro. Brutte sensazioni che per fortuna (e per merito) sono state scacciate prima dell'intervallo grazie al solito Doumbia, bravo a raccogliere sotto porta un cross d'oro di Franco. Più propositivo il Livorno nella ripresa, al 31' è arrivata la zampata di Murilo, destro secco dopo un angolo di Giandonato e una mezza mischia. Gol che ha fatto venir giù lo stadio
  • PISTOIA Poteva sicuramente andare peggio, visto che gli esami specialistici hanno escluso lesioni al legamento crociato, ma due mesi di stop il capitano della Pistoiese Giusto Priola se li dovrà fare ugualmente. In questi due mesi toccherà a Walter Zullo e Jonathan Rossini sostituirlo, a seconda di cosa riterrà più opportuno mister Indiani che potrebbe anche rivedere l'assetto del pacchetto arretrato visto che Quaranta finora ha sempre giocato mentre l'ex Livorno, dall'alto delle due 200 presenze fra A e B, scalpita per trovare minutaggio che invece non ha trovato. A Pontedera domani sera (ore 20,45) rientrerà Hamlili mentre non ci sarà ancora Romeo Papini. 

    PRATO Una vera e propria sfida salvezza per il Prato contro la Pro Piacenza alle 16,30 in terra emiliana. Per quanto riguarda l'organico si è fermato di nuovo il terzino Polo che non sarà disponibile, insieme al centrocampista Fantacci e al giovane difensore Cecchi, mentre hanno recuperato Marzorati e Tchanturia. È rientrato in gruppo dopo un lungo stop il terzino Seminara anche se non è stato convocato. Prato in campo con il 4-3-3 con Alastra tra i pali e la difesa a quattro con Ghidotti a destra, Marzorati e Martinelli centrali e Badan a sinistra. A centrocampo Gargiulo, Bonetto e Guglielmelli. In attacco dovrebbe rientrare Tchanturia insieme ai confermati Ceccarelli e Piscitella.
  • CARRARA La Carrarese in campo a caccia di punti pesanti. In settimana il tecnico ha provato a schierare la squadra col 4-2-4 al posto del solito 4-2-3-1, la novità più importante riguarda la posizione di Tavano che non partirà più largo a sinistra, ma al centro dell'attacco, al fianco di Coralli. Bentivegna potrà giocare stabilmente a sinistra sulla sua fascia preferita, dove il gioiellino scuola Palermo si trova meglio. La corsia destra sarà, invece, affidato ad un Vassallo in ascesa. In mediana confermata la coppia Rosaia-Agyei. Al centro della difesa, al fianco di Cason si rivedrà Benedetti al posto di Cazè.
  • LUCCA Occhio alle trappole. Perché allo Zecchini di Grosseto - contro un Gavorrano che in 8 partite giocate ha conquistato un solo punto (sette giorni fa in trasferta con il Pisa) - servirà una Lucchese attenta e concentrata per strappare i tre punti e conquistare la terza vittoria lontano dal Porta Elisa dopo quelle di Arezzo e Cuneo. Anche questa volta sarà la squadra di Lopez a fare la partita, ad imprimere il ritmo alla gara. La speranza è che stavolta gli episodi girino dalla parte rossonera e non, come accaduto sette giorni fa a Pistoia, siano avversi alla Lucchese.
  • GAVORRANO Rotto il ghiaccio con il primo punto conquistato a Pisa (che nelle scorse ore ha licenziato il tecnico Carmine Gautieri), oggi il Gavorrano è chiamato alla conferma: allo Zecchini (fischio d'inizio ore 16,30, biglietti sempre disponibili) la truppa di mister Giancarlo Favarin ospita la Lucchese. Favarin stante l'assenza di Leandro Vitiello squalificato (in convalescenza c'è sempre Francesco Marianeschi) deve a questo punto trovare soluzioni alternative per confermare il suo 3-5-2. Mischiare le carte insomma. Davanti al confermato Salvalaggio a comandare la difesa capitan Salvadori, che dovrebbe essere supportato dal confermato Cretella e da Bruni, valida alternativa insieme a Borghini per il reparto a tre. In mezzo al campo Conti e Finazzi stanno trovando sempre più l'intesa e a corrergli affianco sulle ali Papini e Gemignani, con lo stesso Ropolo che potrebbe diventare una sorta di mezz'ala avanzata.
  • LIVORNO Undici leoni, per farsi un sol boccone della Giana Erminio e per continuare a macellare punti e avversari. Andrea Sottil questo lo sa bene e infatti sogna un Livorno cattivo intraprendente, ma che dovrà fare a meno di Ivan Pedrelli e di Luca Mazzoni. Il portierone amaranto, vittima di bruttissimo scontro di gioco a Cuneo, non è riuscito a recuperare (occhio ancora gonfio) e lascerà il posto a Guido Pulidori.
  • PRATO C'è attesa per la sfida salvezza con la Pro Piacenza di domani alle 16,30. Il Prato non recupera né Polo né Seminara e la scelta sarà tra Guglielmelli e Fantacci per un posto a centrocampo accanto a Bonetto e Gargiulo. In attacco dovrebbe tornare Tchanturia che sta bene con accanto Piscitella e Ceccarelli. In difesa rientra Marzorati che si metterà accanto a Martinelli con ai lati Ghidotti e Badan. Passando alla Coppa Italia, sarà la Reggiana l'avversario dei biancazzurri nel secondo turno della fase finale di questa manifestazione, che sarà giocato in gara unica sul campo degli emiliani mercoledì 22 novembre. La Reggiana nel primo turno ha infatti battuto a domicilio il Ravenna per 2-0.
  • CARRARA Sarà una Carrarese con Tavano sempre più al centro della chiave tattica di Baldini. Il rigore sfumato a Gorgonzola non ha scalfito minimamente la fiducia del numero dieci azzurro, pronto all'imminente sfida con l'Arzachena e a riprendersi con gli interessi quello che il destino gli ha negato contro la Giana. Un Ciccio carico a mille, come tutta la Carrarese. L'obbiettivo di domani saranno i tre punti per tornare subito a correre.
  • LUCCA La sfida di Viterbo in casa della Viterebese sarà anticipata a venerdì 3 novembre alle 20.45 per esigenze televisive con diretta su SportItalia. Lo ha comunicato la Lega Pro. Intanto la Lucchese, mentre è calato il silenzio sulle vicende societarie che tengono in ansia i tifosi rossoneri, deve prima affrontare un'altra gara fuori casa, quella di domani alle 16.30 allo Zecchini di Grosseto contro il Gavorrano rinfrancato dal pareggio col Pisa e soprattutto dagli innesti di Vitiello (squalificato contro i rossoneri) e dell'ex Baldanzeddu (era svincolato dopo l'esperienza a Venezia), colpo annunciato ieri per puntellare la difesa. Lopez dovrà fare a meno di Capuano (riprende solo oggi ad allenarsi) e Del Sante (si è allenato ma difficilmente sarà convocato), ma recupera Fanucchi che aveva accusato un lieve risentimento muscolare nell'allenamento di giovedì.
  • PISA Doppio allenamento sul campo di San Piero ieri per i nerazzurri, impegnati nella preparazione in vista dell'impegno di campionato in programma domani (ore 20. 30) in casa dell'Alessandria. Capitan Mannini e compagni hanno lavorato, mattina e pomeriggio, agli ordini di mister Michele Pazienza: sarà lui infatti a sedersi sulla panchina riservata ai nerazzurri dello stadio "Moccagatta" e dunque sarà lui oggi a dirigere la consueta rifinitura che precederà la partenza per il Piemonte. In serata conosceremo la lista dei convocati: l'unico dubbio riguarderebbe il difensore Ingrosso. Quanto al modulo, chi segue la Berretti ipotizza per domani il consueto 4-3-3 di Gautieri un po' rivisitato o un 4-1-4-1 che non è molto differente, presupponendo solo un vertice basso in mediana e due attaccanti esterni che danno una mano a centrocampo.
  • PONTEDERA Ora il rischio maggiore è quello di pensare di essere imbattibili e di aver raggiunto una condizione tale da guardare gli altri come da un piedistallo. Ecco cosa deve temere il Pontedera, dopo il blitz di mercoledì all'Arena Garibaldi in Coppa che è costata la panchina nerazzurra a Gautieri.Quel gol risolutore di Pinzauti lancia i granata in Coppa Italia, infonde una buona dose di fiducia, permette di riprendere il campionato con un'altra ottica dopo la lunga sosta imposta dal calendario ai granata. Che tornano a solcare il tappeto del Mannucci solo nella serata di lunedì per affrontare la Pistoiese, dell'ex tecnico Paolo Indiani.
  • LIVORNO Quello di Mazzoni rischia di non essere l'unico forfait di giornata. Ancora fermo ai box, infatti c'è Pedrelli, ko per via di un colpo ricevuto nell'ultima partita casalinga, quella con l'Arezzo. Nel ruolo di primo difensore da destra quindi potrebbe essere riproposto l'emergente Morelli con Marchi in agguato. Hanno invece recuperato Luci e Maiorino che quindi dovrebbero essere della partita con l'ex Cremonese che potrebbe entrare in corso d'opera. Ieri comunque Sottil ha provato tutti gli uomini a disposizione senza comunque cambiare il suo collaudato 4-2-3-1. Domani il Livorno potrebbe giocare così: Pulidori; Morelli, Pirrello, Gasbarro, Franco; Bruno, Luci; Doumbia, Montini, Valiani; Vantaggiato.
  • LIVORNO Dopo un giorno di riposo, ieri la squadra è tornata ad allenarsi al Centro Coni in previsione del big match di sabato sera a Siena. La buona notizia è il ritorno in gruppo di Ivan Pedrelli, che quindi potrebbe essere convocato per la sfida con i bianconeri. . Ripresa quindi subito tosta e con la testa già alla prima partita del ciclo di ferro da affrontare a muso duro e - con altissima probabilità - con al medesima squadra che domenica scorsa ha battuto la Pro Piacenza: il dubbio è a centrocampo tra Giandonato e Bruno, mentre Doumbia, Murilo e Maiorino si giocano due maglie.
  • PISTOIA La Pistoiese troverà un Pontedera rimotivato nel posticipo di lunedì della 10° giornata di Serie C, Girone A. I granata, infatti, a sorpresa hanno eliminato il Pisa dalla Coppa Italia di Serie C passando per 0-1 all'Arena Anconetani con gol di Pinzauti. Fortunatamente rientra in campo Zaccaria Hamlili che andrà in mediana ed a fargli posto sarà quasi sicuramente Tartaglione, nonostante l'ottima prova contro la Lucchese: in questo modo, ed alla luce anche della giornata di squalifica smaltita da Mulas, tutti potranno tornare nel proprio ruolo con Minardi al fianco di Hamlili, Mulas esterno a destra e Regoli esterno a sinistra in luogo di uno Zappa che non riesce a carburare. Davanti potrebbe anche essere nuovamente la volta del tandem Ferrari-Vrioni anche se, poi, non ci sarebbero eventualmente cambi in attacco durante la partita se non il solo Surraco. 

    PRATO La prima squadra ha disputato un'amichevole con la Berretti, vinta per 2-0 grazie alle reti di Piscitella (rigore) e Marini. Marzorati è rientrato al centro della difesa insieme a Martinelli con Ghidotti che dovrebbe andare a destra se Polo non riuscirà a recuperare. A centrocampo oltre a Gargiulo e Fantacci il dubbio è su Guglielmelli (ancora con qualche problema) e Bonetto. In attacco oltre a Piscitella e Ceccarelli Catalano sembra orientato sulla fisicità di Vangi anziché sulla velocità di Orlando o Liurni ma in questo caso sarà importante verificare anche le condizioni di Tchanturia che è fermo da diverso tempo dopo il bel gol realizzato contro il Gavorrano che aveva dato i tre punti alla formazione laniera.
  • LUCCA Fermo ai box anche Del Sante con l'attaccante che potrebbe saltare anche la prossima sfida. Quasi scontata la conferma del 3-5-2 con Lopez che crediamo si affiderà ancora alla coppia Fanucchi-De Vena. Fanucchi ha abbandonato quasi subito la seduta per un lieve risentimento muscolare ma la sua presenza per domenica non è in dubbio. A metà campo Arrigoni e Nolé sono punti fermi, mentre potrebbe essere la volta di Mingazzini, anche se Damiani è andato bene contro la Pistoiese. In difesa, con Capuano out, spazio a Magli con Espeche e Baroni ai lati. Lopez ha tuttavia provata altre soluzioni come Nolé esterno di sinistra di centrocampo. Tuttavia l'impressione è che sarà confermato lo stesso undici di Pistoia. 

    CARRARA Il portiere Marco Barsottini è out per l'infortunio al ginocchio. Con la squadra bianconera si sta allenando Ivano Feola, portiere classe 1991 che vanta circa 200 presenze in serie C.. I tempi di recupero di Barsottini non sono ancora chiarissimi (si parla di un mese). Difficile che il "Barso" stringa i denti ancora una volta e finisca in campo contro l'Unione Sanremo. Il quadro dunque verrà chiarito a breve, dato che la Massese non ha disposizione neppure Luca Maccabruni, vice naturale di Barsottini, che non versa in perfette condizioni dinanzi a un polso sofferente.
  • LIVORNO Manita amaranto al Solvay di Rosignano dove una buona cornice di spettatori ha assistito al derby amichevole con l'Atletico Piombino. Uno degli obiettivi della società è quello di riportare la passione per l'amaranto anche in provincia, dove purtroppo nelle ultime stagioni si preferivano di più le big della serie A. E la giornata, che è iniziata con il pranzo al circolo Canottieri Solvay ed è finita con la foto della squadra sotto lo striscione del club Vada, è servita proprio a questo. L'obiettivo di Andrea Sottil, invece, era verificare le condizioni dei suoi in vista del match di domenica (ore 16,30 al Picchi) contro la Giana.

    PISA Carmine Gautieri non è più l'allenatore del Pisa: l'esonero era nell'aria, la decisione è arrivata nella tarda mattinata. La scelta del club in questo momento è di rimpiazzarlo col tecnico della Berretti Michele Pazienza. Proprio la scarsa prolificità dell'attacco ha segnato la crisi tecnica: i due bomber più attesi, Eusepi e Negro, non hanno ancora segnato nemmeno un gol. 

    PONTEDERA Torna ad allenarsi il Pontedera, dopo la bella vittoria all'Arena Garibaldi contro il Pisa che ha permesso ai ragazzi di mister Maraia il passaggio del turno in Coppa Italia. Sospinti dalla vittoria di Pisa, i giocatori di Maraia hanno davanti a sé l'occasione di poter incamerare punti preziosi in vista di un filotto di partite che, oltre a quella di Siena, impegneranno la squadra contro Monza, Carrarese e Pisa. Far bene contro le prossime avversarie diventa, dunque, fondamentale per il prosieguo del cammino stagionale del Pontedera.
  • PRATO Lavorano ancora a parte Polo e Seminara mentre Marzorati è rientrato in gruppo. Non del tutto a posto Guglielmelli che contro il Monza aveva lasciato spazio a Bonetto e c'è da valutare la situazione di Tchanturia che è da diverse settimane fermo mentre tutti gli altri sono pronti per il match contro la Pro Piacenza. Il Prato continuerà ad allenarsi al sussidiario tutti i pomeriggi alle 15 con l'allenamento o di rifinitura di sabato che vedrà la squadra farlo la mattina alle 10,30 per poi avere i convocati per la sfida con gli emiliani. Catalano potrebbe ridare fiducia a Vangi al centro dell'attacco visto che l'ex Scandicci è stato protagonista di una buona prova quando ha sostituito Orlando. Questo darebbe al Prato più peso offensivo e fisicità. per quanto riguarda la difesa il rientro di Marzorati permetterebbe di sistemare Ghidotti a destra nel caso che Polo non ce la facesse a recuperare. 

    PISTOIA Dopo un giorno in più di riposo rispetto al solito, visto che la Pistoiese giocherà in posticipo lunedì sera a Pontedera, gli arancioni da ieri pomeriggio sono tornati ad allenarsi smaltendo definitivamente le scorie del 2-2 contro la Lucchese di domenica scorsa. Nel mirino, il derby con i granata, sfida molto importante perché i pisani non stanno attraversando un bel periodo e sono nelle parti basse della classifica. È sicuramente un'occasione d'oro per la Pistoiese per provare a tornare a quella vittoria che oramai manca da quasi un mese e mezzo. Solo una settimana fa la situazione sembrava critica, con il malore accusato da Giovanni Boggian in allenamento e gli ipotizzati problemi di natura cardiaca. Invece, dopo i nuovi accertamenti svolti a Carpi (società che ne detiene il cartellino), è tornato il sereno: si è trattato solo di un qualcosa di passeggero tanto che da oggi Boggian sarà di nuovo a Pistoia e, salvo complicazioni, da sabato tornerà in gruppo.
  • GAVORRANO Lavoro, concentrazione e sacrificio. È questo il messaggio che il tecnico del Gavorrano Giancarlo Favarin sta lanciando alla squadra dopo il pareggio per 0-0 di Pisa, il primo storico punto conquistato dai minerari dopo sette sconfitte consecutive. Il neo allenatore rossoblù sta comunque torchiando i suoi ragazzi con doppie sedute di allenamento, senza dimenticare gli insegnamenti tattici: ad una squadra giovane come è quella mineraria, lo stare in campo diventa fondamentale, aldilà della determinazione e la voglia di lottare. Oggi allo Zecchini di Grosseto il Gavorrano sosterrà un altro allenamento e proprio Favarin presenterà la sfida di domenica pomeriggio contro la Lucchese, con Leandro Vitiello che è stato squalificato per un turno dal giudice sportivo dopo l'espulsione per doppio giallo rimediata nel suo esordio all'Arena Garibaldi.

    LUCCA Niente derby bis col Pisa in Coppa Italia. I nerazzurri sono stati eliminati a sorpresa dal Pontedera che sarà l'avversario nella gara unica del 22 novembre sul campo della formazione granata. I rossoneri, avendo partecipato alla Tim Cup, hanno saltato il primo turno. Ottavi di finale in programma il 6 dicembre, prima che la competizione entri in letargo e riprenda il 7 febbraio. Intanto la Lucchese prepara la trasferta di domenica prossima a Grosseto contro il Gavorrano dell'ex Favarin. Del Sante ha ripreso a lavorare a parte e il provino sostenuto per testare la sua caviglia ha dato buoni riscontri. Anche se contro Gavorrano difficilmente potrà recuperare per la panchina. Capuano, che è stato sottoposto a un ciclo di terapie, ha saltato la seduta all'Acquedotto. In attacco, invece, ancora spazio alla coppia formata da De Vena e Fanucchi in grande spolvero e con libertà di scorrazzare a tutto campo.
  • LIVORNO Oggi - fischio d'inizio alle 15,30 - la squadra si esibisce al Solvay, ma di fronte avrà i cugini del Piombino che giocano nel campionato di Eccellenza con buone ambizioni di promozione in D. D'altronde, quella nerazzurra è una squadra blasonata che nei primi Anni Cinquanta ha toccato i fasti della serie B e ha dato vita a bei derby proprio con il Livorno. I PENSIERI DI SOTTIL. Tornando ai giorni nostri, Andrea Sottil sperimenterà la squadra che domenica se la vedrà con la Giana Erminio. Luci potrebbe giocare uno spezzone dell'amichevole, idem Maiorino, mentre Pedrelli e Mazzoni resteranno ai box. Luca proverà in tutti i modi ad essere presente contro la Giana. 

    PISA Il Pontedera espugna l'Arena e si regala i sedicesimi di finale di Coppa, che giocherà in casa contro la Lucchese. Un gol di Pinzauti ad inizio ripresa, su cross di Pandolfi, regala il successo ai granata e dà anche una involontaria spallata alla panchina di Carmine Gautieri, allenatore del Pisa fischiato dal pubblico e per la prima volta messo esplicitamente in discussione della stessa società. Ora si ripensa al campionato: il Pontedera lunedì incontrerà nel posticipo la Pistoiese del "suo" Indiani, il Pisa domenica sera sarà ospite dell'Alessandria. Ma con un possibile colpo di scena: l'ipotesi dell'esonero di Gautieri è sul tavolo, e la scelta della società potrebbe essere quella di rimpiazzarlo con Mario Petrone, classe 1973, autore di due promozioni consecutive con il Bassano in C1 nel 2014 e con l'Ascoli in B nel 2015. Nella passata stagione ha diretto per breve tempo il Catania, dimettendosi dopo sole 3 partite. Non trova conferme la voce di un interessamento del Pisa anche nei confronti di Serse Cosmi.
  • CARRARA Dopo il pirotecnico 2-2 di Gorgonzola, con la vittoria sfumata nel finale in seguito al rigore sbagliato da Tavano, ieri la Carrarese ha iniziato a preparare il match contro l'Arzachena. Mister Silvio Baldini ha potuto contare su tutto il gruppo azzurro. Presente anche Marco Marchionni, che contro la Giana Erminio ha bagnato il suo debutto. Per quanto riguard, l'ipotesi Totò Di Natale, tutto è fermo. L'ex attaccante dell'Udinese potrebbe entrare a far parte della dirigenza azzurra, visti gli ottimi rapporti di amicizia con Silvio Baldini e il dg Gianluca Berti, ma senza fretta. L'operazione potrebbe concretizzarsi a fine 2017.
  • GAVORRANO Giornata di allenamento pomeridiano ieri per il Gavorrano di mister Favarin, in vista del derby contro la Lucchese. La squadra ha effettuato un lavoro di esercitazione sulla parte difensiva seguita poi da un lavoro atletico, oltre che da attività tecnico-tattica. A seguire una partitella ad alta intensità in vista della sfida di domenica contro la Lucchese. 

    LUCCHESE La squadra rossonera ha continuato la preparazione. Ancora in dubbio il recupero di Capuano, uscito anzitempo dalla gara di Pistoia, che ha riportato un'elongazione muscolare al bicipite femorale destro e verrà valutato giorno dopo giorno. Lo staff medico proverà a recuperarlo in vista di domenica prossima, ma ad oggi resta in forte dubbio. Se non dovesse farcela spazio a Magli oppure Espeche centrale con Magli (o Maini) e Baroni come a cuneo. Del Sante invece proverà oggi e le sue condizioni saranno valutate per capire meglio l'entità del fastidio. Anche lui però potrebbe saltare la gara contro l'ex Favarin. Bragadin è invece rientrato in gruppo mentre Strada ha ancora piccoli problemi al ginocchio.
  • A #Pisa per la #CoppaItaliaSerieC riposeranno Contini, Vettori, Caponi e Pesenti.
  • PISTOIA Per una volta la Pistoiese era sembrata la controfigura delle precedenti partite: meno azioni da gol create e calo drastico degli errori visto che contro la Lucchese erano arrivati due gol su azione sprecando soltanto una ulteriore occasione. Ancora una volta, però, ci si è messo di mezzo un rigore non chiaro e soprattutto il 2-2 regalato ai rossoneri dopo 30" dall'inaspettato vantaggio timbrato sotto la Curva Nord da Gregorio Luperini.Così prosegue l'astinenza da vittorie per la squadra di Indiani che non vince da sei gare nelle quali ha collezionato quattro pareggi (di cui tre interni) e due sconfitte. 

    PRATO Il Prato non riesce più a trovare punti. Con il Monza è arrivata la quarta sconfitta consecutiva e soprattutto la formazione di Catalano è ferma a 5 punti in classifica, al penultimo posto. Anche in questa occasione è mancata qualcosa per raccogliere almeno un punto. Allo scadere il colpo di testa di Ceccarelli poteva dare quel pareggio che al 50'sembrava impossibile dopo lo 0-3. La squadra invece ha lottato e non si è data per vinta e fino all'ultimo ha cercato di raggiungere i brianzoli rimasti in 10. Bisogna ripartire da questa forza e da questo spirito per cercare di riprendere il cammino interrotto da questa serie negativa.
  • GAVORRANO Il Gavorrano ha interrotto l'incantesimo. Domenica pomeriggio all'Arena Garibaldi, lo 0-0 con-tro il Pisa e con la squadra ridotta in 10 per l'ultima mezz'ora (espulso per doppio cartellino giallo Vitiello), i rossoblù hanno finalmente ottenuto il primo storico punto nel campionato di serie C. Dopo sette sconfitte consecutive, un cambio di allenatore e un paio di rinforzi sul mercato, il dg Filippo Vetrini è ancora alla ricerca di un difensore per puntellare il reparto, la prova tutta cuore e grinta questa volta ha pagato. 

    LUCCA La Lucchese c'è. Una squadra viva, che gioca forse il calcio più bello del girone ed affronta ogni gara a viso aperto. C'è una buona condizione atletica e questo è merito anche del lavoro dello staff del professor Riccardo Guidi. Fanucchi, in barba ai 36 anni, è in forma strepitosa. Note positive anche dal recupero di Cecchini e dai giovani: Baroni e Damiani sono tra i giovani più forti del campionato. Intanto è già tempo di pensare alla sfida di Grosseto contro il Gavorrano. Una gara che la Lucchese potrebbe affrontare senza Del Sante e Capuano. 

    CARRARA Il giorno dopo Giana Erminio-Carrarese Un 2-2 ricco di colpi di scena, capovolgimenti di fronte e incerto fino all'ultimo istante, con quel rigore sfortunato di Francesco Tavano finito sul palo. La Carrarese in otto partite ha incassato 14 reti, che la rendono la terza peggior difesa del girone dietro a Gavorrano (17 gol subiti) e Prato (16). A margine dell'intervista rilasciata nel dopo partita di Giana Erminio-Carrarese, domenica il direttore sportivo Michele Ciccone ha parlato anche di mercato, escludendo operazioni a breve termine, fatta esclusione per il terzino sinistro Gianluigi Bianco, da tempo ormai aggregato al gruppo azzurro.
  • LIVORNO Luci sta abbastanza bene, il colpo al ginocchio non è niente di preoccupante, è uscito solo per precauzione e dunque domenica sarà in prima linea. Sta invece un po' meno bene Mazzoni perché l'occhio è sempre nero, c'è un taglio allo zigomo ma soprattutto la palpebra è ancora abbassata e sono stati applicati dei punti. Dal lato umano, un abbraccio forte a Mazzoni. Dal lato sportivo, ci si chiede se domenica potrà riprendere il suo posto: serviranno altri controlli, la situazione sarà monitorata giorno dopo giorno, ma Mazzoni vuole esserci e ci sono possibilità di recuperare. 

    PONTEDERA È ripartita la fase di avvicinamento della squadra granata al derby di domani di Coppa Italia contro il Pisa all'Arena Garibaldi.Dopo il "rompete le righe" al termine della seduta di sabato mattina, il tecnico Ivan Maraia ha ritrovato tutti i suoi ragazzi per l'allenamento già annunciato per ieri mattina al Mannucci. Solita "riunione" per rimettere in moto i muscoli e affilare le armi per la gara di domani pomeriggio contro i "cugini" nerazzurri. Intanto la società prosegue nel suo silenzio stampa e riguardo alla cessione delle quote non trapelano novità. Se non quella in cui sembra che Pantani non abbia alcuna intenzione di "entrare". 

    PISA La formazione di Gautieri è tornata ad allenarsi ieri mattina per preparare la sfida casalinga di Coppa Italia in programma domani (ore 16,30) contro il Pontedera e oggi sarà di nuovo all'Arena per la rifinitura. Probabilmente sarà l'occasione per vedere all'opera alcuni acquisti estivi come il difensore Sabotic, gli attaccanti Cuppone e Cernigoi e un portiere tra Reinholds e Voltolini. Se è vero che il Pisa ha una rosa ampia e competitiva è giunto il momento di dimostrarlo, soprattutto in ottica campionato.
  • da Lega Pro - Il Tirreno modificato da Lega Pro - Il Tirreno 10/17/2017 7:59:32 AM
    TURNO 9 GIRONE A SERIE C

    SIENA-PRO PIACENZA 1-0
    CUNEO-LIVORNO 0-4
    PISA-GAVORRANO 0-0
    PISTOIESE-LUCCHESE 2-2
    PRATO-MONZA 2-3
    GIANA ERMINIO-CARRARESE 2-2
    AREZZO-OLBIA 0-1
    ARZACHENA-ALESSANDRIA 0-0
    PIACENZA-VITERBESE 0-1
  • PISTOIA - I derby, si sa, spesso regalano emozioni forti e quello andato in scena tra Pistoiese e Lucchese non ha deluso le attese. Il 2-2 finale la dice lunga sulla girandola di emozioni vissute allo stadio Melani.Quando la gara è bloccata serve una giocata e per gli arancioni è il baby Tartaglione a estrarre il coniglio dal cilindro con una conclusione al volo da fuori area che manda al settimo cielo il prodotto della Berretti arancione.
  • PRATO - Il Prato esce sconfitto 3-2 contro il Monza e arriva per la squadra di Catalano la quarta sconfitta consecutiva. La formazione laniera si ritrova sotto di tre reti per la doppietta di Ponsat e l'errore di Alastra. Dal 50' cambia la gara e gli uomini di Catalano riescono a rimontare con due reti di Ceccarelli e proprio allo scadere lo stesso giocatore biancoazzurro ha la palla per pareggiare ma il colpo di testa va fuori.
  • CARRARA - Il pallone che, a bassa velocità, si stampa alla base del palo destro della porta difesa da Sanchez, vanifica la corsa della Carrarese verso una vittoria meritata contro un avversario peraltro ostico e valente. Una beffa accresciuta dal fatto che, al momento del tiro di Tavano, mancava una manciata di secondi al termine del recupero concesso dopo il 90'.
  • LUCCA - La Lucchese gioca, diverte, domina per larghi tratti, costruisce almeno 5-6 palle gol, ma alla fine per due volte deve rimontare il risultato e alla fine si accontenta di un punto nel derby di Pistoia. Ai rossoneri manca una dote fondamentale per vincere le partite: il cinismo. In 4 partite - Piacenza, Cuneo, Pisa e Pistoiese - i ragazzi di Lopez hanno costruito almeno 20-22 palle gol raccogliendo alla fine soltanto 5 punti quando, per la mole di azioni, ne avrebbero meritati il doppio.
  • PISA - Un Gavorrano ordinato e combattivo conquista il suo primo punto stagionale sul terreno del Pisa, che esce dal campo sonoramente fischiato dai suoi tifosi dopo una prova assolutamente insufficiente e nel primo tempo addirittura indecente.
Offerto da ScribbleLive Content Marketing Software Platform